La Comunità e l'Associazione dei Sistemisti Informatici della Pubblica Amministrazione

Ilger

Installazione LibreOffice 3.5.6 tramite Group Policy

Dopo qualche mese di silenzio dove mi sono divertito con varie cose (sono passato dall’Arduino a VMware per finire con Zimbra… olè!) posso dire con certezza di sapere un po’ di più qualcosa che conoscevo poco ed un po’ di meno qualcosa che conoscevo tanto. Un giro di parole complicato per dire che il mio cervello è limitato e sto invecchiando. Ma vediamo di essere utili a qualcuno prima di tirare le cuoia.

Il tema di oggi è quello di oggetto, installare LibreOffice 3.5.6 tramite group policy. Specifico innanzi tutto che non userò l’ultima release (3.6.1) in quanto non è ancora da ritenersi matura come la precedente. Nella mia guida parto da una situazione dove ho già i client con la versione 3.4.5 installata, le guide delle precedenti installazioni ed upgrade le trovate qui (parte1), qui (parte 2) e qui (upgrade).

La prima novità in questa release è che non bisogna scompattare il file msi scaricato, si può subito procedere con l’installazione amministrativa utilizzando il comando

msiexec /a LibO_3.5.6_Win_x86_install_multi.msi

Ricordarsi di fornire una cartella condivisa e accessibile anche ai client per il percorso di installazione

A questo punto possiamo andare a modificare con il nostro InstEd il file con estensione msi che troveremo nella cartella che abbiamo appena specificato (farsi prima una copia di sicurezza!). Valgono le stesse indicazioni fornite nel mio vecchioarticolo

Nell’immagine sopra, ad esempio, ho modificato “AgreeToLicense” a “Yes” in modo da non farmi richiedere l’accettazione della licenza al primo avvio di LibreOffice.

C’è però una importante modifica da fare altrimenti non si riuscirà ad assegnare il pacchetto tramite group policy. Da InstEd selezionate il menù Tables –> Summary Info, apparirà una finestra con il riepilogo di alcune proprietà del file msi. Dovete modificare il campo Languages (indicato dalla freccia rossa nella prossima immagine)

In pratica vanno cancellati tutti i numeri e lasciare il codice della lingua che volete installare. Per l’italiano usate 1040, altri codici li potete trovare qui. Attenzione che forse non funzionano correttamente tutte le lingue, mi risultano non dare problemi l’inglese e l’italiano (l’ho provato io in questa installazione).

Salviamo il file msi modificato ed assegniamolo come al solito

Applicata la policy al client, riavvio, aspetto circa 15 minuti (uso sistemi virtualizzati), dopo il logon vedo l’icona aggiornata alla 3.5

Lancio LibreOffice e controllo sia la lingua (è in italiano in effetti) che la versione

Ok, tutto a posto, possiamo fare il deploy e aggiornare tutte le nostre 1500 macchine domattina… anche no, magari un po’ alla volta.

Nella prossima puntata andremo ad analizzare l’helppack.

 

Buon deploy di LibreOffice a tutti!

Fonte: http://www.net-manager.it/

Autore: Alessandro

Categoria: